cimici dei letti

Disinfestazione cimici dei letti professionale per hotel, alberghi e strutture recettive di ogni tipo, nel Triveneto ed Alto Adriatico.

La cimice dei letti Cimex lectularius Latreille, è una specie di insetto ectoparassita ematofago, appartenente alla famiglia Cimicidae.  A partire dagli anni ’90 del XX secolo la cimice dei letti è ricomparsa in molti Paesi e intorno agli anni 2000 si è nuovamente diffusa in America, in Europa, Australia, Africa e Asia. Sembra che a favorirne la ricomparsa siano state varie cause, come l’introduzione del riscaldamento centralizzato negli edifici, la globalizzazione, l’aumento dei viaggi nel mondo, e non ultimo una resistenza biologica che questo insetto ha sviluppato nei confronti di varie categorie di biocidi (piretroidi, carbammati, organofosforici, ecc).

Richiedi OGGI STESSO, maggiori informazioni sui nostri servizi, il check-up iniziale è gratuito e senza impegno!

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Telefono (richiesto)

Oggetto

Il tuo messaggio

Eventuali allegati

Acconsento espressamente al trattamento dei miei dati personali.

  • Abitudini:

La cimice dei letti è un insetto gregario ad abitudini notturne che durante il giorno si nasconde dalla luce del sole (fototropismo negativo) in anfratti o fessure di ogni tipo, formando aggregazioni di decine, centinaia o migliaia di individui. I siti di annidamento, detti anche focolai di sviluppo, normalmente sono localizzati nei pressi dei luoghi dove sosta l’uomo nelle ore notturne.

L’unione degli individui in un focolaio viene mantenuta attraverso l’emissione da parte degli insetti di un “feromone di aggregazione”, costituito da una miscela di 10 molecole chimiche, principalmente di natura aldeidica.

  • Habitat ideale

Generalmente durante la notte le cimici fuoriescono dai propri nascondigli per pungere l’uomo, che rappresenta il suo ospite preferito. Le cimici dei letti sono attive e vitali tra i 15 °C ed i 37 °C. Al di sotto dei 15 °C e al di sopra dei 37 °C lo sviluppo s’interrompe.

Infestano molto spesso i materassi, in particolare i bordi e le cuciture del materasso, le gambe di appoggio e l’interno di eventuali rotelle di plastica dei letti, le doghe di legno e le molle delle reti. In genere possono essere infestate qualsiasi fessure o crepe delle pareti, gli interruttori elettrici e le prese di corrente, le cornici, i quadri, le tendine, ecc.

Gli insetti adulti possono sopravvivere, in assenza di un ospite di cui nutrirsi ed in funzione della temperatura ambientale per molto tempo, da alcuni mesi fino ad 1 anno per gli adulti, mentre le neanidi per più di tre mesi. La via principale di diffusione è rappresentata da persone o oggetti venuti in contatto con un ambiente infestato e che veicolano degli esemplari di Cimex lectularius e/o loro uova.

Persone che soggiornano in ambienti infestati possono così inconsapevolmente consentire alle cimici di nascondersi durante le ore notturne nelle valigie o nei vestiti, trasportando in seguito gli insetti fino alla propria abitazione o in altri luoghi. Lo scambio di materiale usato può determinare lo spostamento di oggetti contaminati in nuovi ambienti con il serio rischio di diffondere l’infestazione.

  • Forma e colore

L’adulto di colore rosso-brunastro è lungo circa 6 mm e si presenta schiacciato dorso-ventralmente. Ciò rende l’insetto abile nell’infilarsi in ogni più piccolo recesso. La testa è dotata di due occhi composti, un paio di antenne dotate di recettori sensibili al calore e a determinati composti chimici, come l’anidride carbonica. L’apparato boccale è di tipo pungente succhiante.

I pezzi boccali si sono adattati e trasformati nel corso dell’evoluzione in un rostro allungato in grado di penetrare la cute dell’ospite e di aspirare il sangue durante il pasto di sangue. Il torace presenta delle caratteristiche espansioni laterali. Dorsalmente sono presenti una coppia di squame cutanee, dette emielitre, che rappresentano delle ali vestigiali.

L’addome è costituito da 11 segmenti tenuti insieme da membrane intersegmentali dotate di un notevole grado di stiramento, favorendo durante il pasto di sangue la distensione dell’addome e l’accumulo nell’apparato digerente di una notevole quantità di sangue.

Le forme giovanili immature, chiamate neanidi o ninfe, si possono facilmente distinguere dagli adulti per le ridotte dimensioni, un minor grado di sclerotizzazione del tegumento (minore negli stadi giovanili più immaturi), l’assenza degli organi riproduttivi, e altre caratteristiche morfologiche di minore evidenza.

  • CICLO VITALE

La cimice dei letti è un insetto a metamorfosi incompleta. Il ciclo vitale prevede lo stadio di uovo, cinque stadi ninfali e l’adulto. Ogni stadio ninfale svolge attività ematofaga obbligata, necessaria alla muta allo stadio successivo. Gli adulti di entrambi i sessi svolgono anch’essi attività ematofaga obbligata.

 Il ciclo vitale è per la maggior parte influenzato dalla disponibilità di ospiti e dalla temperatura ambientale. In misura molto minore dall’umidità, visto che gli adulti tollerano ampi range: dal 30 al 70%. La temperatura ottimale si attesta sui 30 °C. In queste condizioni un intero ciclo uovo-adulto si compie in circa 24 giorni. Una femmina adulta si accoppia generalmente dopo ogni pasto di sangue e, con temperature di 26 °C, comincia a deporre circa 2-3 uova al giorno dopo circa 3 giorni. La fertilità viene mantenuta per tutta la vita della femmina. Una femmina può produrre nel corso della propria vita circa 200-300 uova.

ciclo-di-vita-dei-cimici-dei-letti

  • METODI DI LOTTA

Scorpio S.r.l. utilizza tutti i mezzi a sua disposizione per individuare la presenza di cimici dei letti in tutte le stanze di un’abitazione, negli alloggi adiacenti e, se lo ritiene necessario, in qualsiasi altro alloggio.

Ci assicuriamo che le cimici dei letti vengano distrutte in tutti gli stadi del loro sviluppo, da adulto, ninfa, alle uova, con molteplici metodologie, usiamo biocidi certificati, nebulizziamo pareti soffitti armadi e qualsiasi cosa all’interno della stanza, trattamenti con ozono che isolano l’ambiente e di conseguenza monitoriamo con apposite trappole l’area sottoposta al trattamento. Ispezioniamo le stanze adiacenti e confinanti con la stanza infestata, assicurandoci che l’infestazione non si sia diramata. I nostri tecnici specializzati, devono ritornare almeno una volta sul posto dopo il trattamento iniziale, per assicurarsi che le cimici dei letti siano state completamente eliminate.